giovedì 24 maggio 2012

GLI SPETTRI


- Arrivederci, signori! -
L'infermiera si allontanò dalla stanza, spingendo il carrello della cena. Sentivo le posate tintinnare e tremolare sullo sgangherato carrello d'acciaio. Avevo trangugiato un piatto di plastica colmo di brodo vegetale dal sapore annacquato, assieme ad un petto di pollo che rimaneva appiccicato al palato ed incastrato in mezzo ai denti.